Nido del Parco (Ticino)

Dove: Nido del Parco, Ticino, Italia 🇮🇹

Come: Weekend in tenda, speciale anniversario!

Quando: Settembre 2020.

Budget: A partire da 120€/notte.

Lo ammetto, non sono mai stata in tenda in vita mia, nemmeno da bambina… All’alba dei miei 37 anni e in occasione del nostro anniversario di matrimonio ho chiesto quindi a @divenirio di organizzare qualcosa di diverso dai soliti weekend e qualcosa che non avevo ancora sperimentato (è vero, come sempre gli ho dato qualche suggerimento 😅). Ecco perché siamo giunti fino al Parco del Ticino (che ho scoperto essere Riserva della Biosfera, Patrimonio Unesco) e abbiamo dormito in una tenda sospesa in un’area che prende il nome di Nido Del Parco:

Il Nido nel Parco è il primo Experience Camp in Italia situato nella Riserva della Biosfera del Parco del Ticino, un sito patrimonio mondiale dell’UNESCO, la più grande area fluviale protetta d’Europa.

nidodelparco.it

Grazie alla combinazione delle risorse naturali di questo paesaggio con la storia e l’architettura, la cultura e l’arte, il cibo e i vini locali, questo Eco-Camp è in grado di offrire ai viaggiatori la possibilità di immergersi totalmente in uno dei più grandi tesori naturali d’Italia.

Tramonto dalla nostra tenda

Per ricapitolare: uno spazio eco friendly nella riserva naturale del Parco del Ticino, vicino a Vigevano, alcune tende sospese (3 in totale, ma ne possono piazzare fino a 6 e in certe occasioni anche 10) dove dormire tra gli alberi, un’oasi costruita nel bosco e nella natura incontaminata… 🤩 Inutile dire che si tratta di uno spazio attento all’ambiente: i proprietari concentrano i loro sforzi affinché il Camp sia sempre il più ecologico possibile. Un esempio? La eco-doccia portatile, che ti viene consegnata all’ingresso e che puoi fare ovunque nell’area, nei pressi della tua tenda o in qualsiasi altro angolino del posto (con eco-bagnoschiuma che ti verrà consegnato sul momento). O ancora il fatto che il Camp sia totalmente plastic free.

Anche la scelta del cibo rientra in questo progetto di salvaguardia e legame con il territorio circostante. Nel Camp è infatti possibile prenotare la cena a base di prodotti locali, cena che viene servita nel giardino, sotto la luce del fuoco delle torce e delle lampade a pannelli solari. Il tutto accompagnato da un ottimo Bonarda! 🥂

La tenda sospesa

La nostra tenda era una delle più ampie, adatta ad ospitare fino tre persone. All’arrivo ci è stato fornito un sacco a pelo e testa, una torcia per la sera, per delle passeggiate notturne, e una mascherina per gli occhi. Questo perché è possibile togliere la copertura impermeabile e dormire letteralmente sotto le stelle! (Resta però sempre fissa una sottile maglia di rete per evitare l’arrivo di insetti o altro). Noi non lo abbiamo fatto essendo già settembre, di notte l’umidità esterna si faceva sentire…

Se te lo stai chiedendo, è molto facile salire all’interno e dentro c’è spazio per tutto (zaini inclusi, noi avevamo uno zaino grande e un mini trolley). E sì, reggono perfettamente il peso! 😜 Ma veniamo al punto più importante: come si dorme in una tenda sospesa? Sicuramente al caldo, il sacco a pelo è decisamente servito; io avrei però preferito avere a disposizione anche una materassino e un cuscino, in quanto la tenda tirata resta molto rigida e non essendo abituata ho fatto un po’ fatica a trovare la giusta posizione e ad addormentarmi… ma svegliarsi nel bosco con i suoni della natura e il sole che fa capolino tra gli alberi non ha prezzo. Ogni tenda è infine dotata di un paio di sedie dove poter appoggiare eventuali borse o dove lasciare ad esempio le scarpe.

Le attività nel Parco

Il Camp organizza alcune attività, su prenotazione, per poter scoprire il territorio circostante: trekking con una guida locale, Yoga e meditazione nel bosco, Rafting o canoa. Noi abbiamo preferito passeggiare in solitaria nel Parco e poi approfittare della natura incontaminata per un tuffo rigenerante nel fiume. Tutte le informazioni e i prezzi sono disponibili sul sito www.nidodelparco.it.

Tips: approfitta della vicinanza del Parco alla città di Vigevano per visitare la sua famosa Piazza Ducale. Famosa in quanto prima piazza “formale” della storia, esempio e modello per le più celebri piazze d’Italia e d’Europa.

Tools: Nido del Parco

Quali sono i prossimi viaggi in programma? Scoprilo!

Seguimi su Instagram @muttitravels



Dormire in una Yurta

Dove: Gassino Torinese, Piemonte, Italia 🇮🇹

Come: Weekend di coppia.

Quando: Novembre 2019.

Budget: 90 euro/notte.

Durata: sabato e domenica.

Qualche tempo fa mi sono ritrovata tra le mani un buono da spendere sul sito Ecobnb (grazie mamma ❤️). Si tratta di un sito che propone sistemazioni eco sostenibili, a diretto contatto con la natura, in tutta Italia. Purtroppo il voucher aveva scadenza imminente, dicembre 2019, così mi sono affrettata a scegliere una sistemazione per un weekend. Non volevo cercare un hotel qualsiasi, vista la natura del buono cercavo qualcosa di diverso, di particolare… “@Divenirio che ne dici di dormire in una Yurta?”. 🙃

Siamo partiti il sabato mattina con destinazione le colline torinesi. La nostra Yurta si trovava infatti a Gassino Torinese, un piccolo centro residenziale, industriale e agricolo, situato all’incrocio della statale Torino-Casale Monferrato. Il comune si distende in forma allungata da sud a nord sulla riva destra del Po e si trova a soli 20 minuti da Torino. Non è stato molto semplice trovare il posto esatto e per fortuna eravamo in Jeep: le strade infatti erano un po’ tortuose e tutte infangate per via delle piogge dei giorni precedenti. Presta attenzione!

Ma cos’è esattamente una Yurta?

La Yurta è l’abitazione tipica dei popoli nomadi dell’Asia da almeno 13 secoli e ci sono indizi che farebbero risalire la sua origine ad un passato ancora più remoto. Si tratta di una struttura in legno richiudibile e facilmente trasportabile, che è stata tradizionalmente usata dai nomadi Turchi della steppa dell’Asia Centrale. La struttura è solitamente ricoperta da strati di tessuto e feltro di pura lana di pecora, per creare l’isolamento termico necessario a vivere in questi luoghi. Bisogna infatti immaginare che questo tipo di abitazione è stata progettata per resistere alle estreme condizioni climatiche di quell’area. Ad esempio in Mongolia, dove ancora oggi il 50% della popolazione del paese vive in queste abitazioni, le temperature possono raggiungere i 40 gradi in estate e -40 in inverno! Anche le decorazioni sono importati, perché oltre ad essere una casa questa tenda rappresenta un tempio sacro. Il gusto per l’estetica di questi popoli nomadi è davvero affascinante e non può non lasciare incantati chi vi entra per la prima volta. Chissà, magari organizzeremo presto un viaggio in Mongolia! (Fonte: gioiellidelbosco.com).

Vita dei pastori mongoli in una Yurta

Arrivati sul posto siamo stati accolti dalla padrona di casa e ci siamo resi conto che la Yurta si trovava proprio nel suo giardino! La sua casa confina infatti con un grande bosco e al suo interno sono state montate due Yurte originali mongole. Ogni tenda è dotata di un bagno privato, in legno, costruito in perfetta armonia con l’ambiente circostante (ad esempio, non c’è lo sciacquone e una volta fatti i bisogni 💩 è necessario usare della segatura per coprire gli odori…). Inoltre, sempre nel bosco, è stata montata una piccola e tonda vasca idromassaggio, che per nostra sfortuna non abbiamo provato visto il clima poco mite di novembre.

Durante il pomeriggio siamo usciti per fare una breve passeggiata sulle colline circostanti, dalle quali si poteva godere di una magnifica vista sulla città di Torino, mentre la sera abbiamo cenato in una cascina nelle vicinanze, Cascina Domina, che mi sento assolutamente di consigliare sia per la qualità del cibo, che per la comodità rispetto alla Yurta (si trova infatti a pochi metri di distanza e ci arrivi a piedi 🦶 ). Se decidi di passare e vuoi provare la bagna cauda ricordati di pre-ordinarla prima del tuo arrivo!

Essendo novembre, abbiamo ovviamente dovuto accendere la stufa all’interno della tenda e devo ammettere che il fuoco ha scaldato parecchio l’ambiente circostante. Così ci siamo goduti un aperitivo al caldo della nostra Yurta! La mattina successiva invece il fuoco si era ormai spento e il freddo iniziava a farsi sentire. Abbiamo fatto colazione all’interno della tenda (con prodotti a km 0 preparati dalla proprietaria), ma non è stato molto piacevole perchè l’umidità e l’aria fresca delle mattine di novembre ci hanno dato un pochino fastidio (sarebbe comunque stato inutile accendere la stufa visto che di lì a poco saremmo dovuti andare via).

La tenda dall’esterno e il bagno

Tips 1: consiglio questa esperienza per la sua originalità, dormire in Yurta mongola non è cosa da tutti i giorni! A mio avviso però sarebbe meglio viverla d’estate, quando le temperature ti permettono di godere appieno della natura circostante e di passare più tempo all’aria aperta. Inoltre un pizzico di pulizia in più non guasterebbe all’interno della tenda, così come qualche attività di intrattenimento non sarebbe male, per non rischiare di non avere nulla da fare…

Superga

Tips 2: approfitta della vicinanza a Torino per visitare la città, oppure fai un salto nella vicina Superga per una visita alla famosa ed imponente Basilica.

Tools: Ecobnb

Quali sono i prossimi viaggi in programma? Scoprilo!

Seguimi su Instagram @muttitravels