Istanbul e Cappadocia

Dove: Istanbul e Cappadocia, Turchia 🇹🇷

Come: Viaggio di coppia, fai da te.

Quando: Aprile 2019.

Budget: 2500€ in due (prenotando ad ottobre per aprile).

Durata: 8 giorni.

Voli: Turkish Airlines, acquistati a dicembre per aprile, anche i voli interni.

Visto: non necessario. Non serve nemmeno il passaporto, è sufficiente la carta d’identità.

Ammettiamolo: la Turchia e nello specifico la Cappadocia è una destinazione di viaggio diventata ormai famosa grazie ai social e agli influencer che in questi ultimi mesi sembrano aver acquistato tutti insieme un volo per questo paese. In realtà non ci sono andata per questo motivo, anzi, è stato Davide a propormi questa nuova meta di viaggio. “Andiamo in mongolfiera in Cappadocia?” mi ha chiesto un giorno. “Non chiedermelo due volte!” ho risposto. 😄 E così mi sono ritrovata a pianificare questa nuova avventura. Prima tappa del nostro tour: la città di Istanbul.

La Moschea Blu

Partiamo dall’inizio. Ho prenotato i voli direttamente sul sito della compagnia aerea. Ero davvero eccitata di provare finalmente la Turkish Airlines, visto che viene spesso inserita nella classifica delle migliori compagnie al mondo. Peccato che una volta arrivati a Malpensa il nostro volo è stato ritardato di ben 6 ore! 🤬 La compagnia ci ha comunicato che l’aeromobile sul quale ci saremmo dovuti imbarcare aveva subito un guasto (non si è capito bene in realtà, ma la sicurezza prima di tutto) che stavano tentando di risolvere sul momento. Ritardo a parte (alla fine siamo partiti verso le ore 21:00), devo ammettere che Turkish Airlines si è rivelata tutto sommato ottima: buon cibo, aerei nuovi, buon intrattenimento in volo… e così alle 3 di notte siamo finalmente arrivati in Turchia!

Lo sapevi che Istanbul è una città che si trova su due continenti (Europa e Asia)?

Fortunatamente avevo prenotato il transfer direttamente con l’hotel della città, quindi in poco tempo (davvero poco!) abbiamo ritirato i bagagli e ci siamo diretti verso la nostra auto. Non vedevamo l’ora di arrivare in camera perché era già notte fonda e la mattina seguente avevamo il tour prenotato alle ore 9! In effetti in questo viaggio non si è dormito molto… 😅 L’hotel scelto per Istanbul è stato il Miniature Hotel: situato nel quartiere di Sultanahmet, quindi di fatto in pieno centro e dove ci sono le maggiori attrazioni da visitare, è un piccolo (il nome non mente) boutique hotel, con delle piccole stanze davvero, davvero molto carine. L’hotel è stato costruito in un edificio storico e si sviluppa in altezza (c’è anche una terrazza panoramica). Il personale è stato sempre molto gentile e disponibile, come tutti del resto in Turchia.

Scoprire Istanbul

Alle ore 9 del primo giorno a Istanbul eravamo già pronti per il nostro tour. Da casa mi ero messa in contatto con Scoprire Istanbul, un’agenzia turistica locale creata da un ragazzo italiano e da sua moglie turca, che propone diversi tour rivolti a turisti italiani per scoprire al meglio la città (li ho contattati direttamente da Instagram e poi via mail). Avendo pochi giorni a disposizione da passare qui, abbiamo deciso di acquistare il giro classico nel quartiere storico della città. Sultanahmet infatti, nel corso dei secoli, è stato il fulcro di Istanbul: qui ha avuto sede la corte dei sovrani bizantini e sempre qui i sultani ottomani hanno edificato il loro palazzo. Sono stati eretti i luoghi di culto più imponenti, fra cui la Moschea di Sultanahmet, da cui prende il nome il quartiere odierno. Insomma, in poche centinaia di metri sono conservate le vestigia di due fra gli Imperi più importanti della storia dell’umanità e sono tutte a portata di mano. Cosa abbiamo visitato durante il nostro tour: Santa Sofia, Moschea Blu, Palazzo Topkapi e Harem (bellissimo!), Cisterna Basilica, Ippodromo. Qui trovi tutto il percorso. Plus: magari il tour fai da te costa un pochino meno, ma con Scoprire Istanbul abbiamo saltato tutte le file, cosa non da poco visto che per entrare in Santa Sofia o al Palazzo Topkapi c’erano code immense! (Tieni presente che era anche il weekend di Pasqua…). Inoltre siamo andati a pranzo in un locale tradizionale, conosciuto dalla nostra guida, fuori dalle classiche rotte turistiche. Ricordo a tutte le donne che stanno leggendo di portare un foulard o una sciarpa durante questo viaggio, accessorio indispensabile per coprirsi il capo ogni volta che si decide di entrare in una moschea.

Santa Sofia
Palazzo Topkapi: lo sapevi che i tulipani sono di origine turca?

A proposito di Cisterna, ti ricorda qualcosa? 🎥🤗

Dal Film “Inferno”

Gran Bazar e Hamam

Se desideri immergerti nell’autentica atmosfera di Istanbul, non c’è niente di meglio che perdersi tra i negozietti del Gran Bazar, uno dei mercati coperti più grandi e antichi del mondo, famoso per le sue ceramiche dipinte a mano, la bigiotteria, i tappeti, le spezie e gli oggetti d’antiquariato. Ci siamo andati la mattina presto (anche questo era vicino al nostro hotel) e ci sarei stata per ore 😍… assolutamente indispensabile trattare sempre sui prezzi. Qui si fanno degli ottimi affari!

Una nota a parte merita anche l’esperienza hamam. Noi ci siamo imbattuti per caso nel Cağaloğlu Hamami, per caso nel vero senso della parola visto che si trovava vicinissimo al nostro hotel e nel tornare in stanza un pomeriggio abbiamo notato l’ingresso in pietra, così siamo entrati a curiosare… È probabilmente l’hamam più famoso di Istanbul, costruito nel 1741, dotato di una splendida ed affascinante architettura e inserito dal New York Times nella lista dei 1000 posti da visitare nel mondo. Vista la comodità con il nostro hotel abbiamo deciso di prenotare un trattamento verso la fine della giornata successiva così composto: ingresso nel bagno turco (uomini e donne ovviamente separati, si entra completamente nudi), 10 minuti di relax al caldo, scrub con vari lavaggi di acqua calda e massaggio con bolle di sapone. Poi shampoo e infine relax nella sala comune (sempre uomini e donne separati) dove gustare un ottimo te e dei dolcetti turchi. Che dire… la sera siamo rientrati in hotel e senza cenare ci siamo addormentati come dei sassi!

Video: Cağaloğlu Hamami

Il secondo giorno a disposizione in città, oltre al Bazar e all’hamam, lo abbiamo dedicato alla visita del Bosforo (con gita in battello annessa), lo stretto che unisce il Mar Nero al Mare di Marmara e segna, insieme allo stretto dei Dardanelli, il confine meridionale tra il continente europeo e il continente asiatico. E ai quartieri intorno alla Torre Galata (e all’omonimo ponte) fino a Piazza Taksim, siti molto carini per delle tranquille passeggiate.

Taksim

Cappadocia

Istanbul è stata una scoperta. Ce l’aspettavamo un po’ più stile Marocco e invece abbiamo trovato una città a tutti gli effetti occidentale: pulita, organizzata, sicura, bellissima… ma finalmente era arrivato il momento di procedere con la seconda tappa del nostro viaggio, una tappa decisamente più natura e all’insegna avventura come piace a noi. La Cappadocia! Direttamente dal nuovissimo aeroporto di Istanbul (un applauso per questa struttura magnifica ed efficiente) ci siamo imbarcati sul nostro volo che in circa 1 ora ci ha portati nell’interno della Turchia. L’aeroporto di destinazione è stato Kayseri, dove ancora una volta ci aspettava un driver che con il suo mini van (prenotato direttamente tramite l’hotel) ci ha accompagnati a Göreme. Essendo sera, ancora non ci stavamo rendendo conto di quello che potevamo trovarci difronte il mattino seguente, ma al nostro primo risveglio (alle 5 della mattina, te l’ho detto che non si è dormito in questa vacanza!) questo è stato lo spettacolo in cui siamo inciampati appena fuori dalla nostra stanza…

La struttura scelta per il soggiorno in Cappadocia (4 notti) è stata il Mithra Cave Hotel. Se hai deciso di organizzare un viaggio qui non cercare oltre, affidati a questa struttura e non ne rimarrai deluso! La Cappadocia, una regione semi-arida della Turchia centrale, è conosciuta per i famosi “camini delle fate”, alte formazioni rocciose a forma di cono che si trovano nella Valle dei monaci, a Göreme e in altre zone. L’hotel è stato realizzato scavando proprio in questa roccia (come la maggior parte degli edifici qui) e presenta diversi passaggi, cunicoli, terrazze dalle quali poter ammirare l’alba (o il tramonto). La nostra stanza si trovava vicina alle terrazze principali e così ogni mattina potevamo ammirare lo spettacolo del sorgere del sole e lo spuntare in cielo delle mongolfiere. A parole non si riesce a descrivere bene, ma ti posso assicurare che è stato magnifico. Plus: tramite l’hotel sono riuscita a prenotare tutte le escursioni che abbiamo fatto in Cappadocia e il giro in mongolfiera, direttamente da casa prima della partenza. Devo ammettere che è stato molto comodo poter parlare con un solo interlocutore e pagare tutto in un unico conto.

La terrazza del Mithra Cave
Mongolfiere in volo

Red Tour, Green Tour e Turkish Night

Le escursioni che ho prenotato tramite l’hotel sono state: Red Tour, Green Tour e Turkish Night. Il primo tour ci ha permesso di vistare l’Uchisar Castle, il Goreme Open Air Museum, i camini delle Fate in Urgup, un laboratorio locale di ceramica, la Monks Valley, Imagination Valley e la Love Valley. Trovi qui il dettaglio della giornata.

Il secondo tour invece è stato decisamente più a tema natura (non a caso l’hanno chiamato green) e ci ha permesso di visitare l’Uchisar Village, la Pigeon Valley, l’Underground City, Ihlara Valley e il suo Canyon, Belisırma, Selime Monastery e un laboratorio locale dove si lavora l’onice. Qui i dettagli del percorso. Assolutamente da non perdere la città sotterranea (non adatta a chi soffre di claustrofobia) e Ihlara Valley, davvero rilassante!

Uchisar Village

Si vola!

Puoi venire in Cappadocia e non salire in mongolfiera? Assolutamente no! Questa esperienza è valsa tutto il viaggio e resterà impressa nei nostri ricordi per sempre. Ammetto che nei primi 10 secondi ho avuto qualche timore nel salire all’interno del cestino (che ospitava ben 20 persone!) 🙈 ma una volta in volo l’unica cosa che ho potuto fare è stata ammirare la bellezza dei colori dell’alba e della valle sottostante. Wow! Ti consiglio di prenotare per tempo questa attività in quanto i palloni vanno letteralmente a ruba e i prezzi salgono vertiginosamente. Noi abbiamo prenotato mesi prima e siamo riusciti a strappare un prezzo accettabile (340 euro in due) con Turquaz Ballon, ma ho sentito di persone che hanno pagato anche 500 euro per poterci salire. Io ho organizzato tutto direttamente con l’hotel e così non ho dovuto pensare più a nulla: lo staff ti viene a prendere e ti porta a fare colazione (alle 5 della mattina, eh sì…), poi si entra nel cestino e… si vola!

Le mongolfiere vengono gonfiate all’alba
In volo (nel cestino!)
Cappadocia

Turkish Night

La Turkish Night non è altro che una cena in un cave restaurant turco a base di musica e danze locali. La serata mette in evidenza le tradizioni di danza di varie regioni della Turchia, complete di costumi tradizionali e, naturalmente, esilaranti danzatrici del ventre. Questa vivace esibizione è un ottimo modo per godersi un po’ di musica, ballare e partecipare ai festeggiamenti durante la partecipazione del pubblico (se non vuoi partecipare, scegli i posti in alto, abbastanza lontano dalla pista!). Una serata piacevole e divertente, con buon cibo e open bar!

Per non farci mancare nulla, l’ultimo giorno abbiamo deciso di provare anche il tour in quad nelle valli della Cappadocia. Solitamente durante i nostri viaggi, quando ci capita l’occasione, proviamo sempre l’esperienza su queste 4 ruote, ma in questo caso non ne è valsa la pena: il gruppo era enorme e si doveva restare tutti in fila, si procedeva lentamente e non ci sono stati dei percorsi particolarmente avventurosi. Lo consiglio solo per vedere le valli dall’interno e avere così un differente punto di vista (piuttosto meglio noleggiare un quad solo per due così da muoversi in libertà. Non mi sono informata ma credo si possa fare).

Tra le vallate della Cappadocia

Tips: in Turchia abbiamo mangiato bene ovunque, non avere preoccupazioni in questo senso, è tutto davvero molto buono e i ristoranti li abbiamo trovati molto puliti (come tutto del resto). La popolazione turca è molto ospitale e gentile, spesso ti verrà offerto il te a fine pasto o un assaggio gratuito di dolci locali. Cambia i soldi direttamente in città e non in aeroporto, per avere un cambio vantaggioso e non dimenticare di assaggiare il vino in Cappadocia, ne resterai piacevolmente sorpreso! Leggi qui.

Tools: Booking, TripAdvisorSkyScanner

Quali sono i prossimi viaggi in programma? Scoprilo!

Seguimi su Instagram @muttitravels